TSR Games taglia i legami commerciali con Ernest G. Gygax, Jr. e la seconda casa editrice di giochi di ruolo si fa chiamare TSR

 TSR Games taglia i legami commerciali con Ernest G. Gygax, Jr. e la seconda casa editrice di giochi di ruolo si fa chiamare TSR

Thomas Murphy

Lo studio di giochi di ruolo da tavolo TSR Games ha annunciato che non lavorerà più con un editore separato e più recente, anch'esso chiamato TSR, in seguito a un'intervista rilasciata da Ernest G. Gygax, Jr. e a una settimana di messaggi sui social media della sua neonata società che sono stati ampiamente criticati dal pubblico e dall'industria del gioco da tavolo.

Innanzitutto, alcune definizioni: TSR Games è stata fondata nel 2011 dall'editore della rivista Jayson Elliot, in coordinamento con Luke ed Ernie Gygax, figli di Gary Gygax, l'uomo a cui si attribuisce il merito di aver creato Dungeons & Dragons. In questo articolo ci si riferirà a questa società come TSR Elliot. Gygax, Jr. ha recentemente avviato una nuova versione di TSR Games con Jeff R. Leason, progettista ed ex membro del gruppo originale.TSR che pubblicò per la prima volta D&D negli anni '70, al fine di pubblicare i suoi lavori e altri titoli in quell'ambiente creativo. Ci si riferirà a TSR Gygax. Sì, è pungente.

Il 27 giugno TSR Elliot ha twittato la fine dei rapporti commerciali con TSR Gygax, affermando: "Aggiornamento al nostro precedente tweet - NON prenderemo in licenza nulla dalla nuova società che rivendica i diritti sui loghi TSR. Non lavoreremo con loro in alcun modo". L'annuncio ha coronato quasi due settimane di post su Facebook, tweet ufficiali e risposte pubbliche in linea con le dichiarazioni didiversi membri della TSR Gygax criticati come transfobici e razzisti.

Guarda su YouTube

TSR Elliot operava con il suo nome originale dal 2011, quando ha raccolto il marchio che l'attuale proprietario di D&D, Wizards of the Coast, aveva apparentemente lasciato scadere, per pubblicare il suo gioco di ruolo di spionaggio Top Secret: New World Order, insieme alla rivista Gygax, da allora interrotta. Nel 2020, TSR Elliot non ha rispettato la data di deposito del marchio che ha dato a Gygax, Jr. e Leason l'opportunità diAll'epoca, Elliot aveva dichiarato che non avrebbe intrapreso alcuna azione legale.

"Anche se potremmo vincere una causa, francamente non abbiamo i soldi per farlo, quindi glielo stiamo ridando in licenza", ha dichiarato Elliot in un tweet. Gygax Jr. ha spiegato in un'intervista del 24 giugno sul canale YouTube Live From the Bunker che la sua nuova società si era offerta di ridare in licenza il nome alla TSR Elliot per 10 dollari all'anno.

Nella stessa intervista, Gygax Jr. ha continuato a fare commenti transfobici, affermando che "essere all'antica, possibilmente [avere] tendenze anti moderne, e applicare, o addirittura avere, i concetti di identità di genere" fanno parte del suo desiderio di avviare una nuova società, prima di pronunciare una metafora confusa ma comunque bigotta sui nativi americani.

Aggiornamento al nostro precedente tweet - NON concederemo alcuna licenza alla nuova società che rivendica i diritti sui loghi TSR. Non stiamo lavorando con loro in alcun modo.

Guarda anche: Not Chess remixa i classici scacchi in un party game con zombie, teletrasporto e un fucile da cecchino. - Top Secret NWO - il gioco di ruolo delle spie (@TSRgames) 27 giugno 2021 Per visualizzare questo contenuto, abilitare i cookie di targeting. Gestisci le impostazioni dei cookie

La reazione pubblica dei fan e dei giocatori ha provocato diverse risposte da parte dell'account Twitter di TSR Gygax e dell'account ufficiale del suo gioco di ruolo Giantlands, che è arrivato a definire "disgustosa" una donna trans quando ha chiesto all'azienda di rilasciare una dichiarazione a sostegno delle vite trans. La situazione è sembrata ulteriormente degenerare quando scrittori come Jeff Dee, James M. Ward e Luke, il fratello di Gygax Jr.ha preso le distanze dalla TSR Gygax, da Giantlands e da qualsiasi altro progetto.

Più tardi, il 24 giugno, Elliot ha tentato di chiarire le cose twittando: "Siamo una società diversa da quella che utilizzava i vecchi loghi della TSR. Lasciatemi dire in modo inequivocabile: le vite dei neri contano. I diritti dei trans sono diritti umani. La scienza è reale. La gentilezza è tutto". Quando qualcuno ha chiesto di Gygax Jr. che affermava di avergli ridato in licenza il nome, Elliot ha negato che l'accordo sia mai stato concluso.

Guarda anche: Il deposito del marchio Netrunner spinge i giocatori a speculare sul futuro del gioco di carte cyberpunk

"Solo una precisazione: non abbiamo mai versato denaro a loro né riconosciuto la loro pretesa sul marchio. Hanno fatto un'offerta che abbiamo preso in considerazione molto di recente e che abbiamo scelto di rifiutare", ha detto Elliot.

Dicebreaker ha chiesto chiarimenti e ulteriori dettagli, ma non ha ricevuto risposta al momento della pubblicazione.

Thomas Murphy

Thomas Murphy è un giocatore appassionato che gioca ai giochi da tavolo da oltre 20 anni. Ha un amore ineguagliabile per tutti i tipi di giochi da tavolo, di carte e di dadi, e traspare davvero negli articoli che scrive. Che si tratti di un'immersione profonda in un gioco classico, di una recensione di una nuova versione o di un'analisi delle ultime tendenze nel mondo dei tavoli, la scrittura di Thomas è sempre coinvolgente, perspicace e, soprattutto, divertente. Quando non è impegnato a giocare o a scriverne, Thomas trascorre il suo tempo insegnando e facendo da mentore a nuovi giocatori, facendo volontariato nei negozi di giochi locali e viaggiando per convegni ed eventi in tutto il mondo. Il suo obiettivo è diffondere il suo amore per i giochi da tavolo in lungo e in largo e condividere con gli altri la gioia e l'eccitazione che derivano dal sedersi con amici e familiari e giocare insieme a un grande gioco.