Il set Il Signore degli Anelli di Magic: The Gathering ha nove diverse carte Nazgûl, una per ogni Ringwraith.

 Il set Il Signore degli Anelli di Magic: The Gathering ha nove diverse carte Nazgûl, una per ogni Ringwraith.

Thomas Murphy

Tales of Middle-earth, il crossover di Magic: The Gathering con il mondo de Il Signore degli Anelli, conterrà una carta unica per ognuno dei nove Spettri dell'Anello e sarà possibile averli tutti e nove nel proprio mazzo contemporaneamente.

Guarda anche: Le star di D&D hanno giocato insieme al gioco di ruolo prima di girare "Honor Among Thieves".

Una delle creazioni più durature di JRR Tolkien, i Nazgûl - o Spettri dell'Anello - sono i nove uomini corrotti dagli Anelli del Potere forgiati da Sauron. Vengono incontrati più volte nel corso della trilogia del Signore degli Anelli mentre danno la caccia al Portatore dell'Anello, tra cui a Weathertop dove pugnalano Frodo Baggins prima di essere scacciati da Aragorn.

Un primo sguardo al set di MTG de Il Signore degli Anelli

Nonostante gli Spettri dell'Anello siano alcuni dei cattivi più iconici della Terra di Mezzo, solo il capo dei Nazgûl, il Re Stregone di Angmar, viene nominato nella trilogia originale del Signore degli Anelli (il suo braccio destro viene poi chiamato Khamûl nella raccolta Racconti incompiuti, pubblicata dopo la morte di Tolkien, ma gli altri rimangono senza nome).

Sebbene esistano pochi dettagli sulle differenze tra i Nazgûl, Tales of Middle-earth garantirà a ciascun Ringwraith una carta unica di Magic: The Gathering.

Immagine: Wizards of the Coast

Il testo, le abilità, la forza e la costituzione delle carte saranno identici, e tutte avranno il titolo Nazgûl. Mentre le regole standard di costruzione dei mazzi di Magic: The Gathering limitano di solito un mazzo a quattro copie di qualsiasi carta con lo stesso nome, le carte Nazgûl presentano un'eccezione scritta nel testo delle regole che consente di includerle tutte e nove nello stesso mazzo.

Inoltre, ogni volta che un Nazgûl entra nel campo di battaglia, innesca la nuova meccanica L'Anello ti tenta di Tales of Middle-earth, oltre ad aggiungere un segnalino +1/+1 a qualsiasi creatura Spettro (compresi i Nazgûl) quando un giocatore viene tentato dall'Anello.

Le carte si differenziano per la grafica, che ritrae i Nazgûl come sono descritti nei libri di Tolkien - con gli occhi rossi, un dettaglio assente nei film successivi. Tutti i Nazgûl sono visti montati sui loro cavalli.

Immagine: Wizards of the Coast

Oltre a comparire tra le carte Nazgûl, il Re Stregone di Angmar compare in una carta creatura leggendaria separata, montata sulla sua bestia volante Fell (se ve lo state chiedendo, la carta Nazgûl del Re Stregone è la seconda da sinistra sulla fila superiore, secondo il senior art director Ovidio Cartagena).

La carta Re Stregone di Angmar guadagna Volare come parola chiave e aumenta la forza del leader dei Ringwraith a 5 e la costituzione a 3, rispetto ai valori di 1/2 di un Nazgûl standard. Il Re Stregone può anche ottenere Indistruttibilità fino alla fine del turno scartando una carta e TAPpando la creatura.

Ogni volta che al giocatore controllante viene inflitto danno da combattimento, costringe ogni avversario a sacrificare una creatura che ha inflitto danno da combattimento in quel turno, prima che l'Anello tenti il giocatore.

Guarda anche: Doctors and Daleks è un nuovo gioco di ruolo che utilizza la 5E di D&D. Per visualizzare questo contenuto, abilitare i cookie di targeting. Gestisci le impostazioni dei cookie Guarda su YouTube

Perché Commander è il miglior modo di giocare a Magic: The Gathering

Il titolo distinto della carta significa anche che potreste costruire un mazzo con nove Nazgûl e quattro copie di Re Stregone di Angmar, se volete vivere le vostre fantasie nei panni del Signore Oscuro Sauron.

Tales of Middle-earth sarà in pre-release dal 16 al 22 giugno, prima del lancio su MTG Arena il 20 giugno e dell'uscita su larga scala il 23 giugno.

Thomas Murphy

Thomas Murphy è un giocatore appassionato che gioca ai giochi da tavolo da oltre 20 anni. Ha un amore ineguagliabile per tutti i tipi di giochi da tavolo, di carte e di dadi, e traspare davvero negli articoli che scrive. Che si tratti di un'immersione profonda in un gioco classico, di una recensione di una nuova versione o di un'analisi delle ultime tendenze nel mondo dei tavoli, la scrittura di Thomas è sempre coinvolgente, perspicace e, soprattutto, divertente. Quando non è impegnato a giocare o a scriverne, Thomas trascorre il suo tempo insegnando e facendo da mentore a nuovi giocatori, facendo volontariato nei negozi di giochi locali e viaggiando per convegni ed eventi in tutto il mondo. Il suo obiettivo è diffondere il suo amore per i giochi da tavolo in lungo e in largo e condividere con gli altri la gioia e l'eccitazione che derivano dal sedersi con amici e familiari e giocare insieme a un grande gioco.